Zufallsbild

Ackerbau und Viehzucht sind die zwei Brüste, die den Staat sicherer säugen als die Gold- und Silberminen Perus.

Karl Julius Weber

Aktuelles Projekt

GAP und NUTS

Begriffe zum Thema Ländlicher Raum – verständlich gemacht in unserem Glossar.
Glossar

Gewusst wo

Weitere Infos im Internet – für Sie zusammen gestellt.
Linkliste

Cambiamenti strutturali ed occupazione nell’agricoltura

 

Problematiche ed obiettivi

Nei prossimi anni, le strutture dell’agricoltura europea continueranno a subire dei cambiamenti drastici: le aziende minori, non più in grado di competere sul mercato, saranno costrette a chiudere oppure a convertirsi ad offrire altri tipi di prodotti o servizi.

Nell’Unione Europea questo processo di cambiamento strutturale si ripercuote in maniera e con intensità diversa sulle singole regioni rurali. Mentre per i nuovi paesi membri Bulgaria e Romania la Commissione prevede una perdita di circa 2 milioni di posti di lavoro, lo stesso processo si svolgerà con modalità assai diverse nei paesi dell’Europa occidentale. Proprio le numerose microimprese dei paesi del sud-est europeo non hanno quasi possibilità di sopravvivere. Ma anche nei paesi dell’Europa occidentale e meridionale le riforme nei settori del latte e del tabacco fanno prevedere ulteriori perdite di posti di lavoro.

I paesi dell’Europa occidentale hanno un’esperienza più lunga rispetto a questo tipo di cambiamenti strutturali, nel corso dei quali hanno già cercato possibilità, alternative ed opportunità per poter affrontare il processo in corso. Diversa invece l’esperienza dei nuovi membri, che hanno aderito all’UE nel 2004. In linea generale si può affermare che la politica agricola comunitaria in futuro sarà incentrata ancora più fortemente sul mercato, e di conseguenza nell’agricoltura nasceranno strutture aziendali più grandi. Le aziende che vogliono sopravvivere alla competizione con la concorrenza devono adattarsi alle nuove condizioni di mercato.

L’obiettivo della Commissione consistente nella creazione di un maggior numero di posti di lavoro di migliore qualità si è rivelato di difficile realizzazione soprattutto nelle regioni rurali caratterizzate da debolezza strutturale. Anche in agricoltura, il processo di cambiamento strutturale genererà un maggior numero di aziende più grandi, le quali saranno in grado di assumere importanti funzioni a livello occupazionale:

  • nasceranno nuovi posti di lavoro nelle aziende direttamente coinvolte nella produzione agricola,
  • le imprese stesse creeranno posti di lavoro nel quadro dei processi di diversificazione, ad esempio nei settori della distribuzione, delle fonti energetiche rinnovabili, del turismo,
  • attraverso le attività delle imprese a livello aziendale, ma anche locale, saranno creati nuovi posti di lavoro nell’indotto delle aziende, o anche possibilità di guadagni supplementari per singoli operatori.

Le aziende agricole hanno quindi la possibilità di diventare i veri motori per l’occupazione nelle regioni rurali, a condizione che affrontino seriamente il cambiamento strutturale.

Il tipo e l’entità delle ristrutturazioni e le relative ripercussioni sono condizionati dalle misure preventive e di accompagnamento, adottate sia a livello aziendale/settoriale sia a livello regionale.

Ed è qui che si inserisce il progetto da noi proposto. Redigendo le linee guida s’intende prospettare – con l’aiuto degli esempi positivi descritti – quali siano le modalità di azione possibili, per sviluppare – anticipatamente alle misure di ristrutturazione per i dipendenti – visioni e prospettive per un’occupazione nuova e migliore. Nel contempo vogliamo fornire gli argomenti necessari ai sindacati per poter contribuire sia a livello aziendale sia a livello regionale ed europeo al consolidamento dei propri punti di vista.

Davanti allo sfondo dell’imminente dibattimento a livello europeo e nazionale riguardo alla modificazione della politica agricola comune, a noi iniziatori del progetto sembra indispensabile fornire un adeguato supporto agli “stakeholders” coinvolti. Con l’aiuto delle linee guida che dovranno essere sviluppate nell’ambito del progetto, sarà ottenuta un’omogeneizzazione del processo di discussione nei singoli paesi attraverso i partner coinvolti.

Inizio pagina

 

Attività

Il progetto dovrà valutare in cinque paesi rispettivamente uno o due esempi aziendali/regionali di ristrutturazioni. I sindacati coinvolti individueranno degli esempi (vale a dire 3-4 imprese, o associazioni d’imprese o cooperative).

Attraverso la stesura di brevi analisi settoriali a livello regionale si otterrà un quadro dei rapporti economici e sociali delle imprese nonché delle esigenze da osservare nella ristrutturazione.

Con l’aiuto di visite aziendali e tavole rotonde sarà svolta un’attenta analisi delle strategie, pratiche ed iniziative messe in atto. Insieme agli esperti, agli attori regionali ed ai partner sociali saranno valutate la rilevanza e l’efficacia delle misure. Al fine di poter comparare i risultati delle singole azioni tra di loro, sarà inoltre sviluppato anche un questionario specificamente strutturato.

Dovranno essere sottoposti a discussione in particolar modo le seguenti domande:

  • Quali strategie e possibilità d’azione volte a compensare i cambiamenti strutturali a livello sociale ed economico sono state sviluppate?
  • In quale modo sono state esercitate le possibilità di partecipazione dei lavoratori a livello aziendale e regionale?
  • Quale ruolo spetta alle istituzioni di consulenza (in particolar modo per quanto riguarda le condizioni sociali dei lavoratori)?
  • Quale tipo di trasferimento di know-how è necessario e come si presentano i requisiti di qualificazione?
  • In quale modo è possibile favorire l’innovazione dei prodotti, quali sono le possibilità per l’innovazione dei processi, incluse le organizzazioni cooperative?
Arbeitsprogramm

Download programma di lavoro

 

Risultati

I risultati delle singole analisi saranno elaborati e pubblicati sul sito internet. Dal riassunto dei risultati saranno sviluppate le linee guida, che a loro volta verranno pubblicate sul sito internet. Oltre alla pubblicazione sul web sarà prodotta una versione stampata per ulteriormente favorire la divulgazione dei risultati. E’ previsto inoltre l’informazione sul progetto attraverso i media sindacali.

Inizio pagina

 

Partenariato

Il partenariato del progetto fa parte di un network sindacale che coopera da diversi anni attraverso differenti progetti ed azioni. I risultati di questo lavoro comune consistono non solo nell’analisi e nella valutazione delle condizioni socio-economiche, ma anche nella divulgazione dei risultati stessi in occasione di numerosi seminari e convegni nazionali ed internazionali, nonché attraverso le pubblicazioni su supporti digitali e stampati. Con l'esposizione dei risultati del progetto sul sito internet laendlicher-raum.eu si garantisce, che le informazioni vengano divulgate attraverso il network sindacale per l’occupazione già esistente, potendo in questo modo confluire nelle future discussioni ai diversi livelli.

Singole persone del partenariato fanno anche parte di diversi comitati a livello nazionale ed europeo, tra i quali sono da sottolineare in particolar modo: i comitati nazionali di sorveglianza per la politica agricola europea, il comitato europeo per il dialogo sociale nell’agricoltura, i comitati consultivo per le zone rurali in Europa ed il Comitato Economico e Sociale Europeo.

Il partenariato è composto come segue:

  • Germania: IG BAU, Istituto PECO
  • Austria: GPA, Sindacato TM
  • Italia: ALPA Nazionale
  • Romania: Agrostar
  • Bulgaria: FNSZ
  • Polonia: ZZPR
  • Belgio: EFFAT

Inizio pagina

 

CameraFoto di protocollo